Luca Argentero: In Arrivo un Nuovo Ruolo Sfidante Dopo il Successo di Doc

luca-argentero

Dopo il successo di Doc – Nelle tue Mani su Rai 1, Luca Argentero intraprende una nuova e avvincente sfida professionale.

Luca Argentero è uno degli attori più amati e seguiti sia sul piccolo che sul grande schermo. Apprezzato da sempre per il suo ruolo nell’acclamata fiction Doc – Nelle tue Mani, la cui terza stagione è andata in onda recentemente, rafforzando la sua popolarità anche negli Stati Uniti. Argentero interpreta il ruolo centrale del primario del Policlinico Ambrosiano di Torino, Andrea Fanti. Le sue interpretazioni intense riescono a comunicare ogni sfumatura del personaggio, un uomo che riprende la sua vita in mano dopo aver perso la memoria a causa di un incidente. Numerosi colleghi talentuosi, tra cui Matilde Gioli e Pierpaolo Spollon, contribuiscono a fare di questa fiction un vero capolavoro. È strano immaginare Argentero in un altro ruolo, eppure sarà protagonista di una storia completamente diversa.

luca argentero, una nuova sfida dopo doc su rai 1

Di recente, l’attore piemontese ha incuriosito i suoi fan con una serie di immagini in cui si presenta con un aspetto radicalmente diverso. Un cambiamento inaspettato dovuto a un nuovo ruolo che lo vedrà interpretare un personaggio totalmente difforme da Andrea Fanti. Argentero si sta preparando per entrare nei panni di Lorenzo Ligas, un uomo sui generis e fuori dagli schemi, come confermato dal nuovo look adottato dall’attore.

un nuovo progetto per sky

Lorenzo Ligas è il protagonista di una nuova serie Sky che verrà trasmessa probabilmente il prossimo anno. Questo legal drama promette di apportare una ventata di novità nel panorama televisivo e di attirare l’attenzione degli amanti del genere. Il progetto impegna notevolmente Argentero, che questa volta si cimenta in un personaggio lontano da quello del primario del medical drama. Resta da vedere se il pubblico preferirà ancora Andrea Fanti o se verrà conquistato dal nuovo volto di Lorenzo Ligas.

Scritto da Augusto Clerici
Potrebbero interessarti